Procedure conseguenti alle rimozioni dei veicoli

per violazioni al Codice della Strada

 

I cittadini che intendono rientrare in possesso di veicoli rimossi per violazione del Codice della Strada (ad es. sosta in rimozione forzata) devono rivolgersi all’Ufficio Contravvenzioni e Depenalizzazione del Comando di Polizia Locale al fine di attivare la procedura per la restituzione del veicolo qualora esso sia consentito.

Per la restituzione del veicolo l'interessato, o suo delegato, deve rivolgersi al Comando Polizia Locale che autorizza il responsabile del deposito alla restituzione previo pagamento delle spese di intervento, rimozione e custodia.

Se il conducente del veicolo arriva durante le operazioni di rimozione, o prima dell'arrivo del carro attrezzi, è consentita la restituzione immediata del veicolo, ma solo dopo il pagamento delle spese di intervento all'incaricato del concessionario del servizio rimozioni.

L'intervento si considera iniziato con la richiesta di intervento del carro attrezzi.

La relativa sanzione, diversa a seconda del tipo di infrazione commessa, può invece essere pagata in un secondo momento, con le modalità indicate nel preavviso di violazione.

Nel caso di veicolo con targa straniera, il trasgressore deve effettuare immediatamente il pagamento della sanzione.

 

Requisiti

Condizione di trasgressore o responsabile in solido o proprietario del veicolo (ovvero persona da questi delegata)

 

Documenti da presentare

Documento d'identità, documenti di circolazione, Polizza assicurativa ed eventuali verbali d'infrazione notificati

 

Termini per la presentazione della domanda

Il soggetto interessato alla riconsegna deve presentarsi all'ufficio nei giorni immediatamente successivi al provvedimento

 

Termini per l'adozione del provvedimento

Nei termini di legge