Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Innovazione, con la direttiva n. 8/2009 propone una razionalizzazione dei siti web delle Pubbliche Amministrazioni che assicuri la presenza di alcune informazioni essenziali.

Difatti la Legge 150/2000, l'art. 54 del Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 "Codice dell'Amministrazione digitale", il Decreto legislativo 150/2009, la Delibera 105/2010 CIVIT, la Legge 18 giugno 2009 n. 69, l’art 3 Circolare PCM DFP 11786 22/02/2011, la Legge 69/2009 e altre determinano l'elenco delle informazioni e i contenuti minimi che un sito web istituzionale deve fornire ai cittadini.

In ottemperanza a tali disposizioni questo sito viene monitorato e aggiornato quotidianamente proprio allo scopo di raggiungere i massimi requisiti di trasparenza ed accessibilità. 

"Trasparente" perchè risponde all'esigenza di fornire informazioni corrette, puntuali e sempre aggiornate, nonché di erogare servizi sempre più fruibili a cittadini e imprese attraverso il canale web.  

"Accessibile" perchè il portale è dedicato a tutti gli utenti: cittadini italiani, italiani all’estero, stranieri in Italia, persone con disabilità, persone meno esperte, a tutti coloro che, utilizzano  i servizi on line e le informazioni rese disponibili dal Comune. 

La legge 7 giugno 2000, n. 150, nel disciplinare le attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni, ha riconosciuto il diritto di accesso del cittadino all'azione amministrativa anche attraverso il ricorso agli istituti della concertazione e della partecipazione attiva.